Global site

I siti web di ABB usano i cookie. Accedendo a queste pagine si accetta il nostro uso dei cookie. Approfondisci

Lo sviluppo sostenibile nel tempo

ABB ha sempre adottato un approccio sostenibile al business. Dalla nostra nascita, più di 130 anni fa, abbiamo spinto i confini della tecnologia per aiutare i nostri clienti a rendere le loro attività più efficienti dal punto di vista energetico e produttive. In ABB abbiamo sempre preso sul serio le nostre responsabilità sociali, trattando i nostri dipendenti e fornitori in modo equo e rispettoso e contribuendo alle nostre comunità. Abbiamo iniziato a redigere un bilancio della nostra impronta ambientale nel 1994 e nel 2000 lo abbiamo ampliato con il lancio del nostro rapporto di sostenibilità.
2020

ABB lancia la sua strategia di sostenibilità 2030 incentrata sull'equilibrio tra le esigenze della società, dell'ambiente e dell'economia per creare successo per tutti i suoi interlocutori. Obiettivo principale: la riduzione delle emissioni di CO2.

2018

ABB introduce un sistema di gestione HSE/SA globale per salute, sicurezza, ambiente, tutela e sostenibilità creando aspettative chiare e comuni in tutte le nostre attività globali.

2017

ABB ha semplificato il numero di misure nell'ambito dei nostri obiettivi per il 2020 e ha incluso nuovi obiettivi sulle emissioni di gas serra, l'uguaglianza di genere e il benessere dei dipendenti.

2016

ABB lancia un'iniziativa per la salute e il benessere per promuovere la resilienza e integrare buone prassi da integrare nella vita quotidiana di tutti i nostri dipendenti.

2015

ABB estende il suo impegno con le parti interessate creando un panel esterno per esaminare e mettere in discussione le prestazioni e il bilancio della sostenibilità dell'azienda.

2014

È stata organizzata la prima settimana globale sulla sicurezza che ha coinvolto 140.000 partecipanti a circa 2.500 sessioni di formazione in diverse parti del mondo.

2013

ABB lancia una nuova serie di obiettivi di sostenibilità fino al 2020.

2012

Il Supplier Sustainability Development Program procede con 121 audit, formando più di 1.000 fornitori e 1.250 dipendenti.

2011

ABB raggiunge l'obiettivo annuale di ridurre il consumo di energia del 2,5%.

2010

ABB conduce la più grande indagine su partner della sostenibilità mai realizzata su oltre 500 persone e organizzazioni.

2009

ABB riceve premi in 14 Paesi per i suoi risultati in termini di sostenibilità.

2008

Gli audit energetici portano a progetti di miglioramento che rappresentano il 45% del consumo energetico di ABB.

2007

Il Gruppo raggiunge l'obiettivo di ridurre il consumo di elettricità del 5% per unità prodotta.

2006

Il nuovo Codice di Condotta è disponibile in 45 lingue.

2005

ABB si unisce al gruppo di supporto aziendale del Comitato Internazionale della Croce Rossa.

2004

ABB avvia le indagini per diventare un'azienda carbon neutral a medio termine.

2003

ABB aderisce alla Business Leaders Initiative sui diritti umani.

2002

ABB lancia l'iniziativa "Access to Electricity" al World Summit di Johannesburg.

2001

Il Dow Jones Sustainability Index classifica ABB al vertice del suo settore per il terzo anno consecutivo.

2000

ABB lancia la politica sociale e pubblica il primo rapporto sulla sostenibilità che include le prestazioni ambientali e sociali.

1999

ABB avvia il programma di riduzione dei gas serra del World Energy Council.

1998

Il CEO di ABB fa parte della World Commission on Dams, che redige linee guida per i progetti di energia idroelettrica.

1997

ABB lancia un software e un database per la valutazione del ciclo di vita di seconda generazione.

1996

ABB introduce la ISO 14001, con un totale di 50 siti che ottengono la certificazione.

1995

ABB pubblica i suoi obiettivi ambientali e 15 siti sono certificati secondo gli standard ambientali BS 7750 o EMAS.

1994

I sistemi di gestione ambientale sono definiti come un obiettivo di Gruppo, coinvolgendo 43 paesi.

1993

Trentotto paesi partecipano all'avvio del programma di gestione ambientale di ABB.

1992

ABB istituisce al suo interno un’organizzazione per gli affari ambientali e un comitato consultivo ambientale.