L’ABB FIA Formula E sbarca in Marocco per l'E-Prix di Marrakesh.

Ritorno a Marrakesh per la seconda gara nella quinta stagione del campionato ABB FIA Formula E

Nel gennaio 2018, nella seconda gara della quarta stagione del campionato ABB FIA Formula E, ABB ha lanciato la sua pionieristica collaborazione con la serie di competizioni interamente elettriche.

Con ABB come partner principale, la Formula E è andata sempre più forte e quest'anno vanta la nuovissima vettura Gen2, la partecipazione di nove case automobilistiche a livello globale, una nuova squadra, due nuovi piloti e tre nuovi circuiti.

Dopo una fortunata gara di debutto ad Ad Diriyah, alla periferia della capitale saudita Riyadh, il campionato si trasferisce a Marrakesh all'inizio di gennaio per la seconda tappa, in una struttura semi-permanente per corse automobilistiche: il Circuit Automobile International Moulay El Hassan.

Questa pista, della lunghezza di 2,99 km, intitolata al principe ereditario del Marocco, è insolitamente concepita per essere destinata in parte a diventare un autodromo permanente e, per ciò che concerne il resto del percorso, a costituire un insieme di strade attorno al quartiere degli hotel di Marrakesh.

La combinazione rappresenta, per team e piloti, una sfida variegata, poiché le 12 curve del circuito offrono un ampio mix di stile, dal veloce sorpasso della curva n. 1 (una grande opportunità di sorpasso) al tornante della curva n. 10.

L'ambasciatore di ABB Sébastien Buemi, che quest'anno gareggia per il team Nissan e.dams, cercherà di ripetere i buoni risultati ottenuti a Marrakesh gli anni scorsi. Ha infatti vinto la gara inaugurale nella terza stagione del campionato e l'anno scorso è arrivato secondo, avendola condotta sin dall’inizio. "Per me il circuito di Marrakesh rappresenta una buona pista perché mi ha visto vincitore due anni fa e arrivare secondo l'anno scorso, non vedo quindi l'ora di tornare. Penso che sia uno dei più grandi tracciati della stagione. L'asfalto è molto liscio, quindi la regolazione della macchina è molto simile a quella che mettiamo a punto su una pista normale".

Il secondo round del campionato offrirà ai piloti un'altra possibilità di perfezionare il loro utilizzo della nuova "Modalità Attacco" novità di questa stagione. Questa funzione consente ai piloti di aumentare la quantità di energia disponibile, aumentando la loro velocità, ma riducendo la durata della batteria.

Condividi questo articolo

Facebook LinkedIn Twitter WhatsApp