Global site

I siti web di ABB usano i cookie. Accedendo a queste pagine si accetta il nostro uso dei cookie. Approfondisci

Informazioni generali e fiscali

ABB in Italia è suddivisa in 4 Business Area: Electrification, Industrial Automation, Motion, Robotics & Discrete Automation, al servizio delle utility, delle industrie e dei clienti dei settori dei trasporti e delle infrastrutture.


Oggi il Gruppo è presente nel nostro Paese con 5.881 dipendenti (dato al 31.12.2019) dislocati in unità produttive ubicate nel nord e nel centro. ABB Italia investe il 1,8% del suo fatturato in attività di ricerca e sviluppo. 

  • Ordini 2019: 2.512 milioni di euro
  • Ricavi 2019: 2.476 milioni di euro

ABB S.p.A.

Sede legale:

Via Vittor Pisani, 16
20124 Milano

Direzione e uffici

Via Luciano Lama, 33
20099 Sesto San Giovanni (Milano)
Tel. +39 02 2414.1
Fax +39 02 2414.2749

Informazioni societarie:

Capitale sociale: € 110.000.000 i.v.
Partita Iva: IT11988960156
Codice Fiscale: 00736410150
Registro delle Imprese di Milano: 00736410150
R.E.A. 1513225

Codice Destinatario SdI (*):
    X46AXNR

ABB EVI S.p.A.

Sede legale:

Via Vittor Pisani, 16
20124 Milano

Direzione e uffici:

Sede legale:
Via S. Giorgio, 642
52028 Terranuova Bracciolini (AR)

Informazioni societarie:

Informazioni societarie:
Capitale sociale: € 5.000.000 i.v.
Partita Iva: IT11035310967
Codice Fiscale: 11035310967

Codice Destinatario SdI (*):
     X19WS6Y

 

Fatturazione elettronica

Come disposto dalla Legge di Bilancio 2018, a far data dall’1 gennaio 2019 è in vigore l’obbligo di fatturazione elettronica nei rapporti B2B.
Tale obbligo è stato anticipato al 1° luglio 2018 per le prestazioni rese dai subappaltatori e dai subcontraenti nei confronti dell’impresa principale nell’ambito di un contratto di appalto stipulato con la Pubblica Amministrazione. Sono, invece, esclusi dall’obbligo di fatturazione elettronica tutti quei soggetti che cedono beni all’appaltatore senza essere direttamente coinvolti nell’appalto principale.
Tutte le fatture saranno originate per via elettronica per poi essere firmate digitalmente, conservate a fini fiscali e trasmesse attraverso il Sistema di Interscambio (SdI) predisposto dall’Agenzia delle Entrate.
Dal 1° gennaio 2019 (e dal 1° luglio 2018 per gli appalti sottoscritti con la PA), le fatture ricevute devono essere in formato “.xml” e non potrà più essere accettato nessun altro formato. 

 

(*) Codice Destinatario SdI:

E' il codice destinatario identificativo da indicare sulle fatture elettroniche intestate alle società.

  • Contattaci

    Compila il modulo web e ti contatteremo

    Contattaci