Le principali tendenze 2023 della robotica viste da ABB

  • La carenza di manodopera presenta nuove opportunità per l'automazione robotizzata
  • L'intelligenza artificiale e le reti digitali connesse renderanno i robot più facili da usare, consentendo loro di assumere un maggior numero di compiti in nuovi settori industriali
  • Partnership più specializzate tra industria ed educatori colmeranno il gap di competenze nella robotica

Con la vendita di robot a livelli record, Marc Segura, Presidente di ABB Robotics, fa diverse previsioni sulle tendenze chiave dell'automazione robotizzata per il 2023.

“L’impatto della carenza di manodopera globale è sempre più avvertito da molte aziende mentre cercano di tenere il passo con le richieste dei clienti”, ha affermato Marc Segura, responsabile di ABB Robotics. “Questo, unito all’incertezza globale, alle catene di approvvigionamento interrotte e all’aumento dei costi energetici a seguito degli eventi mondiali nel 2022, significa che sempre più aziende guardano all’automazione robotica come un modo per aumentare la flessibilità, costruire resilienza e rendere le loro operazioni più sostenibili”.
Le principali tendenze 2023 della robotica viste da ABB
Le principali tendenze 2023 della robotica viste da ABB

Trend 1 – La domanda di robot aumenterà in risposta alla carenza di manodopera globale, con i robot che assumeranno nuovi compiti man mano che sempre più aziende cercheranno di riorganizzare le proprie operazioni

L’impatto della carenza di manodopera è già ampiamente sentito in tutti i settori e continuerà nel 2023 come effetto dell’invecchiamento della popolazione e della riluttanza ad accettare un aumento dell’occupazione poco retribuita e insoddisfacente. Entro il 2030, si prevede che oltre 85 milioni di posizioni saranno vacanti, ostacolando la crescita economica e presentando alle aziende la necessità di trovare nuovi modi per colmare le lacune nella forza lavoro.

La domanda di robot sarà particolarmente forte nei paesi in cui le aziende stanno cercando di riorientare o avvicinare le proprie operazioni per contribuire a migliorare la resilienza della propria catena di approvvigionamento di fronte agli eventi globali. In un sondaggio su 1.610 aziende statunitensi ed europee condotto da ABB Robotics nel 2022, il 75% degli intervistati in Europa e il 62% negli Stati Uniti hanno risposto che avrebbero investito nell’automazione robotica nei prossimi tre anni.

“Mentre l’attenzione si è concentrata sull’impatto dell’automazione sui posti di lavoro, i robot eseguiranno sempre più compiti noiosi, sporchi e pericolosi che non sono più allettanti, contribuendo a risolvere il problema della carenza globale di manodopera e competenze”, ha affermato Segura. 

Le capacità in espansione dei robot, incluso lo sviluppo di opzioni collaborative con carichi utili più grandi come i cobot GoFa™ e SWIFTI™ di ABB che possono essere implementati in sicurezza insieme ai lavoratori umani, offrono nuove possibilità alle aziende sia per colmare le lacune di competenze sia per fare un uso migliore delle loro forza lavoro esistente.

“Vedremo anche robot assumere compiti in nuovi settori come la ristorazione e l’assistenza sanitaria, in particolare nei laboratori e nei dispensari. I robot ABB sono già operativi nella catena di ristoranti Haidilao, dove il processo di preparazione dei pasti è stato automatizzato, mentre presso la University of Texas Medical Branch (UTMB) negli Stati Uniti, i robot ABB hanno rivoluzionato la ricerca sugli anticorpi automatizzando il processo di test, aumentando il numero di test eseguiti al giorno da 15 a 1000. Vedremo robot assumere più ruoli in contesti simili nel 2023 poiché la carenza di manodopera continua a incidere sulle aziende “, dice Segura.

Trend 2: l’intelligenza artificiale e la tecnologia autonoma consentiranno ai robot  di svolgere più attività in nuovi settori

Mentre le tecnologie autonome continuano a semplificare la programmazione, il funzionamento e la manutenzione dei robot, sempre più aziende effettueranno i primi investimenti nei robot o troveranno modi per implementarli in nuove applicazioni. La più recente tecnologia di navigazione autonoma che alimenta la gamma di robot mobili autonomi (AMR) di ABB sta già migliorando la produttività, rendendo le operazioni più flessibili e veloci. Soluzioni come queste consentono ai produttori di allontanarsi dalle linee di produzione tradizionali verso celle di produzione integrate scalabili e modulari, ottimizzando al contempo la consegna dei componenti tra le strutture.

Gli sviluppi nell’intelligenza artificiale amplieranno la gamma di compiti che i robot possono eseguire. Questo maggiore utilizzo dell’intelligenza artificiale nella robotica aiuta con attività come l’avvitamento, che è già in funzione presso la Robotics Mega Factory di ABB a Shanghai, dove i robot alimentati dall’intelligenza artificiale costruiscono nuovi modelli di robot. Allo stesso tempo, la continua semplificazione del software e dei controller utilizzati per programmare i robot ridurrà ulteriormente gli ostacoli all’adozione eliminando la necessità di competenze specialistiche.    

“Con lo sviluppo dell’intelligenza artificiale nella robotica, vengono affrontate le preoccupazioni relative alla complessità e alle capacità che in precedenza impedivano alle aziende di investire nell’automazione robotica”, ha affermato Marc Segura. “Man mano che le capacità si sviluppano ulteriormente, i robot appariranno in numero maggiore e in applicazioni al di fuori dei tradizionali ambienti di produzione e distribuzione come l’elettronica, la sanità, l’e-commerce, i prodotti farmaceutici e i servizi di ristorazione”.

Il prossimo futuro vedrà anche la creazione di reti digitali connesse, utilizzando piattaforme aperte per consentire l’integrazione rapida e semplice di robot, controller e software di fornitori diversi. I controller OmniCore di ABB sono creati per rendere i robot più aperti e connessi, il che rende i robot più accessibili, consentendo alle piccole imprese e alle start-up di abbracciare l’automazione.

Trend 3 – Collaborazioni più specialistiche tra industria ed educatori contribuiranno a dotare i lavoratori attuali e futuri delle competenze necessarie per prosperare in una nuova era dell’automazione

Con sempre più aziende che introducono i robot, c’è una crescente necessità per i lavoratori di apprendere nuove competenze che consentiranno loro di prosperare in un ambiente automatizzato. Per raggiungere questo obiettivo sarà necessario un approccio congiunto e multigenerazionale, dalle scuole, college e università fino alle PMI e alle associazioni di sostegno per fornire formazione.

“Le fabbriche del futuro avranno bisogno di lavoratori che sappiano applicare tecnologie automatizzate per eseguire attività”, ha affermato Segura. “Man mano che i robot diventano più comuni nelle fabbriche, nei magazzini e in altri ambienti, ci sarà un aumento delle partnership tra fornitori di robot, produttori ed educatori per garantire che le persone abbiano le competenze giuste per un futuro automatizzato. Ci sono già oltre 200 esempi di partnership ABB con educatori in tutto il mondo, dove i nostri robot, il software di simulazione e programmazione RobotStudio® e gli strumenti AR e VR vengono utilizzati per insegnare agli studenti di tutte le età le competenze necessarie per programmare e utilizzare l’automazione robotica”.

Un anno di opportunità

Il 2023 sarà, quindi, un anno di opportunità  e questi tre trend  prevarranno  poiché sempre più aziende guarderanno all’automazione per aumentare la propria produttività, efficienza e resilienza.

“Le interruzioni e l’incertezza stanno costringendo le aziende a pensare in modo diverso al modo in cui operano. Scalabili, flessibili e in grado di gestire una gamma in espansione di attività, i robot offrono un modo ideale per affrontare l’incertezza, rendendo le aziende più resilienti.

 Allo stesso tempo, un’automazione robotica di successo si basa sulla combinazione del potenziale dei robot e delle persone per ottenere i migliori risultati possibili. Poiché le nuove tecnologie continuano a rendere i robot più facili da usare e distribuire, vediamo il 2023 come un anno di opportunità che consentirà alle aziende e alla loro forza lavoro di raggiungere nuovi livelli di produttività, efficienza e flessibilità”.

Links

Contattaci

Downloads

Condividi questo articolo

Facebook LinkedIn Twitter WhatsApp