L'Istituto J.F. Kennedy di Pordenone si aggiudica la finale dell’ABB RoboCup 2024

L'Istituto J.F. Kennedy di Pordenone si aggiudica la finale dell’ABB RoboCup 2024

  • ABB RoboCup punta a sviluppare competenze pratiche su robot e cobot di ultima generazione per rispondere alle esigenze del mondo del lavoro
  • Il contest ABB RoboCup è stato riconosciuto competizione ufficiale in ambito scientifico-tecnologico nel “Programma per la valorizzazione delle eccellenze per l’anno scolastico 2023/2024” del Ministero dell’Istruzione
  • 49 scuole da tutta Italia hanno partecipato alla sesta edizione del contest

22 maggio 2024 - Si è conclusa oggi la sesta edizione di ABB RoboCup, contest ideato dal team Education di ABB Robotics per coinvolgere i ragazzi delle scuole superiori e appassionarli ai temi della fabbrica intelligente. Dopo un’intensa giornata, suddivisa tra prove pratiche e visite formative, l’ITST J.F. Kennedy di Pordenone è il vincitore di questa edizione. 

L’iniziativa, nata nel 2019, ha lo scopo di favorire la formazione tecnica sia fornendo alle scuole gli strumenti necessari, sia stimolando una sana competizione in grado di coinvolgere appieno i ragazzi. Il valore aggiunto dell’iniziativa ha fatto sì che il Ministero dell'Istruzione riconoscesse ABB RoboCup come competizione ufficiale in ambito scientifico-tecnologico.

“L’Education è uno dei pilastri della nostra strategia; da diversi anni, infatti, in ABB Robotics abbiamo attivato iniziative che coinvolgono i giovani - ha evidenziato Leonardo Leani, Responsabile di ABB Robotics Italia. ABB offre al mondo delle scuole un ampio pacchetto formativo, un vero ecosistema che comprende materiali didattici e percorsi teorico-pratici per insegnanti e studenti. In questo percorso si inserisce l'ABB RoboCup, che va oltre il concetto di formazione creando un ponte tra le scuole e il mondo del lavoro.” 

Competizione e collaborazione: il valore educativo di ABB RoboCup 

ABB RoboCup rappresenta un'importante opportunità formativa per i ragazzi degli Istituti Tecnici Superiori (ITS). Questa competizione di robotica non solo stimola la creatività e l'ingegno dei partecipanti, ma offre anche un'esperienza pratica nel campo della tecnologia avanzata. 

Come sottolineato da Maurizio Lepori, Head of Education ABB Robotics Italy “L’obiettivo di ABB RoboCup è proprio quello di promuovere e sviluppare le competenze multidisciplinari necessarie per lavorare con i robot e rispondere alle esigenze delle imprese manifatturiere. E proprio per offrire ancora più concretezza, l’edizione 2024 ha allargato i propri orizzonti con visite a importanti realtà del settore”. 

Il valore educativo di questa competizione è testimoniato dai patrocinatori dell’evento: Intellimech, Confindustria Bergamo, Fondazione Dalmine ETS, Kilometro Rosso e SIRI (Associazione Italiana di Robotica e Automazione)

  • L'evento di premiazione in Confindustria Bergamo
  • Primo, secondo e terzo classificato
  • Un momento delle gare in Fondazione Dalmine
  • Il primo classificato JF Kennedy
  • Il team vincitore gara ITS e Università
  • L'accoglienza in Fondazione Dalmine

Educare all’eccellenza: il contributo dei professori 

La partecipazione degli studenti dell'ITS alla ABB RoboCup è un esempio tangibile di come la collaborazione tra docenti e giovani possa portare a risultati eccellenti, arricchendo il percorso formativo e preparando gli studenti ad affrontare le sfide del mondo reale con competenza e determinazione. 

Questa iniziativa deve il suo successo anche alla dedizione e all'impegno instancabile dei professori, i quali dedicano tempo e risorse per supportare i giovani nell'affrontare questa esperienza. Un impegno che mira a portare la robotica al centro dell'attenzione educativa, riconoscendola come una tematica fondamentale per la formazione delle future generazioni di professionisti. 

“Sento profondamente l'importanza di una stretta collaborazione tra scuole e aziende, perché insieme possiamo plasmare il futuro dei nostri giovani, ispirarli con competenze reali e coltivare la prossima generazione di innovatori" ha sottolineato Loris Latassa, professore al Majorana di Seriate, durante la giornata finale della competizione.  

ABB RoboCup 2024: formazione tecnica e competenze pratiche 

L'edizione di quest'anno ha visto la partecipazione di scuole di tutto il Paese: più di 1000 studenti si sono cimentati - nella prima fase del contest - in oltre 100 ore di gare su tre esercizi. Il primo ha richiesto loro di montare due robot, un'attività che ha messo alla prova la loro comprensione dei componenti meccanici e la capacità di assemblare dispositivi complessi con precisione. 

La seconda prova prevedeva la programmazione di un processo fondamentale nell'automazione industriale: la pallettizzazione.  L'ultimo esercizio ha sfidato i ragazzi a programmare il robot per tracciare i contorni della parola "RoboCup". Questo compito ha richiesto precisione e abilità nella manipolazione spaziale, mostrando la loro capacità di programmare movimenti complessi con alta accuratezza. 

La fase finale della competizione si è svolta presso Fondazione Dalmine, dove gli studenti si sono impegnati nella programmazione e nell'interazione con i cobot e si sono sfidati rispondendo a una serie di quiz. 

La Premiazione presso l’Auditorium Confindustria di Bergamo ha visto la partecipazione di tutti i promotori dell’iniziativa, che hanno rimarcato la necessità di investire nella formazione al fine di preparare adeguatamente sia la forza lavoro attuale, sia quella futura. ABB RoboCup 2024 ha dimostrato che è possibile offrire una proposta innovativa di formazione multidisciplinare e didattica interattiva. 

Durante l’evento è stato dedicato un momento alla premiazione di undici ragazze dei diversi ITS che hanno partecipato all'ABB RoboCup 2024. Questo evento non solo celebra il talento e l'impegno nella robotica e nella tecnologia, ma sottolinea anche l'importanza della formazione STEM (Scienza, Tecnologia, Ingegneria e Matematica) per tutti, indipendentemente dal genere. Incoraggiare e sostenere le ragazze nel perseguire percorsi educativi e professionali scientifici è fondamentale per costruire un futuro più inclusivo. 

Una giornata ricca di emozioni 

Durante la giornata i ragazzi hanno avuto la possibilità di visitare tre centri di eccellenza: JOiiNT LAB, Intellimech e ABB Dalmine. Queste attività hanno offerto loro una visione diretta sulle tecnologie all'avanguardia nel settore della robotica e dell'automazione industriale. 

Al JOiiNT LAB, un laboratorio di ricerca congiunto, gli studenti hanno potuto osservare da vicino come la collaborazione tra università e industria favorisca lo sviluppo di soluzioni innovative. Questo ambiente stimolante ha mostrato l'importanza della ricerca applicata e della sinergia tra diversi ambiti scientifici e tecnologici. 

Presso Intellimech, consorzio di aziende impegnate nella ricerca meccatronica, gli studenti hanno esplorato le più recenti tecnologie per l'automazione e l'industria 4.0. Hanno potuto vedere come le aziende collaborano per creare sistemi intelligenti e soluzioni avanzate, acquisendo una comprensione più profonda delle dinamiche del settore industriale moderno.

La visita presso ABB Dalmine ha offerto una panoramica su uno stabilimento riconosciuto come Lighthouse Plant e che incarna i principi di Industria 4.0. 

Links

Contattaci

Downloads

Condividi questo articolo

Facebook LinkedIn Twitter WhatsApp