Si è conclusa la terza edizione di RoboCup

Si è conclusa la terza edizione di RoboCup

Si è tenuta sabato 20 novembre la terza edizione di RoboCup, il contest dedicato alle scuole superiori, ideato dal team Educational di ABB Robotics Italia

Dopo due settimane in cui le scuole si sono cimentate e allenate con esercizi legati al software per la programmazione off line RobotStudio e con il linguaggio RAPID ad esso legato, lo scorso 20 novembre in collegamento streaming da 6 regioni italiane e da 16 diversi istituti, ben 222 studenti hanno “giocato” e gareggiato per assegnarsi il primo premio in palio.

Dopo 2 ore intense in cui hanno risposto a un problema da risolvere – che a discrezione di ogni team/scuola poteva essere di bassa, media o alta difficoltà – e ad una serie di domande stile quiz – l’Istituto Meucci di Lecce è stato nominato vincitore della terza edizione. All’istituto di Lecce, ABB presterà un robot da utilizzare per un intero semestre.  

“RoboCup per noi di ABB è anche un pretesto, ha affermato Luigi Malinverno, Service and Digital Platform Manager di ABB Robotics IT, per raccogliere un numero così alto di studenti e appassionarli alla robotica”. “Oltre a questo intento, RoboCup – così come tutte le altre attività del nostro team Educational di ABB Robotics Italia,  è uno dei canali che possiamo utilizzare per creare una triangolazione virtuosa tra ABB, il mondo delle scuole e il mondo del lavoro. Le aziende che sanno, infatti, che una scuola ha intrapreso o sta ampliando la propria offerta formativa nel campo della robotica, tendono a rivolgersi agli studenti di quell’istituto quando sono alla ricerca di personale.  

L’Educational di ABB Robotics Italia in numeri: in Italia ci sono oltre 2000 istituti tecnici. Di questi, quasi 400 hanno corsi dedicati all’automazione nella propria offerta formativa. Di questi, più di 100 utilizzano RobotStudio di ABB. Dal 2019, le scuole hanno acquistato ben 34 robot. Prima del 2019, i robot ABB nelle scuole erano 5.  Ad maiora!

Links

Contattaci

Downloads

Condividi questo articolo

Facebook LinkedIn Twitter WhatsApp