Si è conclusa la quarta edizione di RoboCup

Si è conclusa la quarta edizione di RoboCup

Si è tenuta sabato 7 maggio la quarta edizione RoboCup, il contest che coinvolge le scuole superiori, ideato dal team Educational di ABB Robotics Italia nel 2019.

Per due settimane le scuole provenienti da 6 regioni italiane hanno dovuto affrontare la prima sfida: si sono confrontate e allenate realizzando 4 progetti con RobotStudio e rispondendo a domande sul linguaggio di programmazione RAPID ad esso legato in collegamento streaming. Dalla Lombardia alla Puglia, più di 250 gli studenti da 17 diversi istituti, hanno “giocato” e gareggiato per assegnarsi il primo premio in palio nella prima fase della gara.

Il giorno della finale si è svolta la seconda fase del contest che ha visto gli studenti impegnati in prove e quiz intervallate da testimonianze come quella del Dott. Franti della casa editrice Hoepli e dell’Ing.Remo Sala di Fondazione Politecnico. Spunti di riflessione e momenti di scambio preziosi per i ragazzi, in cui non solo è stata sottolineata la loro encomiabile motivazione a cimentarsi in un settore di nicchia come quello della robotica, ma è stato anche messo in luce il valore professionale della formazione che stanno maturando. Tutte le difficoltà e le sfide -concrete e metaforiche- che stanno affrontando saranno in futuro foriere di grandi opportunità nel mondo del lavoro.

Dopo l’intensa mattinata trascorsa rispondere a quiz e domande a risposta multipla – l’Istituto Nobili di Reggio Emilia è stato nominato vincitore della quarta edizione. All’istituto di Reggio Emilia, ABB offrirà per il prossimo anno scolastico due giornate di esami per il rilascio di attestati di competenza e garantirà la disponibilità a partecipare durante i loro open day con un tecnico e un robot ABB.

Noi di ABB Robotics non possiamo che congratularci con l’istituto vincitore ma anche con tutti i ragazzi e le ragazze che hanno partecipato e si sono impegnati in questa sfida e… alla prossima!!

Links

Contattaci

Downloads

Condividi questo articolo

Facebook LinkedIn Twitter WhatsApp