L’efficienza energetica è il modo migliore per tagliare i costi e ridurre le emissioni nell’industria oggi stesso

L’efficienza energetica è il modo migliore per tagliare i costi e ridurre le emissioni nell’industria oggi stesso

• Uno studio indipendente elenca 10 interventi che possono aiutare gli utilizzatori industriali a migliorare fin da subito la loro efficienza energetica

• Il miglioramento dell’efficienza energetica ridurrà drasticamente le bollette e le emissioni nel breve e medio termine, senza incidere sulla produttività

• L’industria è il più grande consumatore mondiale di elettricità, gas naturale e carbone e rappresenta il 42 percento della domanda di elettricità

Mentre le aziende di tutto il mondo devono affrontare pressioni senza precedenti per il costo dell’energia e l’emergenza del cambiamento climatico, un nuovo report dell’Energy Efficiency Movement mostra come migliorare l’efficienza energetica nell’industria sia il modo più rapido ed efficace con cui un’azienda può abbattere i costi energetici e le emissioni di gas serra. Energy Efficiency Movement è un forum globale di circa 200 organizzazioni che condividono idee, best practice e iniziative per creare un mondo più efficiente dal punto di vista energetico.

Pubblicato oggi, il “Manuale dell’efficienza energetica nell’industria” illustra 10 interventi che un’impresa può attuare per migliorare la propria efficienza energetica, ridurre i costi per l’energia e abbattere le emissioni, fin da subito. Il documento punta l’attenzione su soluzioni tecnologiche mature e largamente disponibili che offrono risultati e ROI rapidi e che possono essere adottate su larga scala.

“L’efficienza energetica è una strategia vincente sia per le aziende sia per il clima,” afferma Kevin Lane, senior program manager per l’efficienza energetica presso la International Energy Agency (IEA). “Mentre l’industria è chiamata a combattere il cambiamento climatico su tutti i fronti, ad esempio aumentando l’uso di fonti rinnovabili, investendo in processo a basso contenuto di carbonio e sviluppando modelli di business circolari, l’efficienza energetica si contraddistingue come l’opportunità che offre le migliori prospettive a breve termine per la riduzione delle emissioni. I 10 interventi descritti nel report sono risorse note a costi accessibili e possono essere messi in atto su larga scala in tempi rapidi, per aiutare le imprese a trasformare le loro ambizioni climatiche in azioni concrete.”

L’industria è il maggior consumatore mondiale di elettricità, gas naturale e carbone, secondo la IEA, con una quota del 42% della domanda di elettricità, pari a oltre 34 exajoule di energia.1 Le industrie siderurgica, chimica e petrolchimica sono i più grandi consumatori di energia nei cinque Paesi più energivori al mondo: Cina, Stati Uniti, India, Russia e Giappone. Questo consumo energetico porta con sé costi elevati nell’attuale contesto inflazionario. Inoltre, ha generato nove gigatonnellate di CO2, pari al 45% delle emissioni dirette totali dei settori di utilizzo finale nel 2021, secondo la IEA.

Le organizzazioni consultate per redigere il rapporto sono ABB, Alfa Laval, DHL Group, la IEA, Microsoft e l’ETH di Zurigo, l’istituto di tecnologia svizzero. Le raccomandazioni degli intervistati spaziano dagli audit energetici al corretto dimensionamento dei macchinari industriali, che spesso sono troppo potenti per il compito che devono svolgere, con conseguente spreco di energia. Spostare i dati da server locali al cloud potrebbe aiutare a risparmiare circa il 90 percento dell’energia consumata dai sistemi IT.2 Accelerare la transizione dai combustibili fossili con l’elettrificazione delle flotte industriali, sostituire le caldaie a gas con pompe di calore o fare una corretta manutenzione degli scambiatori di calore sono altre misure di efficientamento.

Altri interventi riguardano l’installazione di sensori e il monitoraggio digitale dell’energia in tempo reale per individuare la presenza delle cosiddette “apparecchiature fantasma”, che consumano potenza anche quando sono in standby, a differenza dei “digital twins” che consentono di simulare interventi di efficientamento senza interrompere la produzione. Anche l’utilizzo di soluzioni per la gestione degli edifici (BMS) per controllare e ottimizzare impianti elettrici, illuminazione, tapparelle e climatizzazione (HVAC) consente di risparmiare energia nei siti industriali.

Le raccomandazioni comprendono anche l’installazione di azionamenti a velocità variabile, che può migliorare l’efficienza di un sistema con motore elettrico fino al 30 percento, producendo benefici immediati a livello di costi ed emissioni. Se gli oltre 300 milioni di sistemi industriali guidati da motori elettrici attualmente in funzione venissero sostituiti da apparecchiature ottimizzate ad alta efficienza, il consumo mondiale di elettricità potrebbe essere ridotto del 10 percento.

“Oggi esistono soluzioni per l’efficienza energetica che possono aiutare l’industria a contrastare il cambiamento climatico e ridurre i costi energetici, senza compromettere le prestazioni e la produttività,” sottolinea Tarak Mehta, presidente della business area Motion di ABB. “Grazie ai recenti progressi tecnologici nell’ambito dell’efficienza energetica, il potenziale di miglioramento nell’industria è significativo e subito realizzabile. Quindi, invece di spegnere le luci e fermare la produzione per risparmiare, questo nuovo rapporto illustra misure concrete che i responsabili delle aziende possono adottare per ridurre il consumo di energia e le bollette, mantenendo le attività operative invariate. “

ABB è un leader tecnologico nell’elettrificazione e nell’automazione, che contribuisce a costruire un futuro più sostenibile ed efficiente nella gestione delle risorse. Le soluzioni del Gruppo combinano know-how ingegneristico e software per ottimizzare le modalità con cui i beni vengono prodotti, movimentati, alimentati e utilizzati. Con una storia di eccellenza iniziata oltre 130 anni fa, le 105.000 persone di ABB sono impegnate a promuovere innovazioni che accelerano la trasformazione industriale. www.abb.it

Energy Efficiency Movement è un’iniziativa che riunisce attori che condividono la stessa visione di fare innovazione e agire per realizzare un mondo più efficiente dal punto di vista energetico. Il movimento è stato lanciato da ABB nel 2021 e ha riscosso reazioni positive da tutto il mondo industriale, raccogliendo, a novembre 2022, l’adesione di circa 200 aziende. https://join.energyefficiencymovement.com/ #energyefficiencymovement

[1] https://www.iea.org/reports/electricity-market-report-december-2020/outlook-2021

[2] https://www.microsoft.com/en-us/download/details.aspx?id=56950

Links

Contattaci

Downloads

Condividi questo articolo

Facebook LinkedIn Twitter WhatsApp