Affrontare i crescenti livelli di stress idrico

Ogni volta che le temperature raggiungono nuovi record, si ripresenta la domanda: e le nostre riserve idriche? ABB sta contribuendo a fornire una risposta.

Nell'estate del 2019 si sono registrati nuovi record di temperatura in Europa e Nord America.

All'inizio di questo mese (il 6 agosto) il World Resources Institute (WRI) ha pubblicato un rapporto allarmante: un quarto della popolazione mondiale si trova ad affrontare uno stress idrico estremamente elevato, una situazione in cui le risorse idriche di una regione o di un paese sono insufficienti per soddisfarne il fabbisogno.

L'ente di ricerca ha previsto che 17 Paesi - che ospitano un quarto della popolazione mondiale - rischiano di esaurire la propria riserva di acqua. Si trovano ad affrontare livelli "estremamente elevati" di "stress idrico di base", poiché l’agricoltura, le industrie e le municipalità utilizzano in media oltre l’80% dell’acqua dolce ogni anno. Quando una città o un paese utilizza gran parte dell’acqua a sua disposizione, un periodo di siccità può avere un impatto catastrofico.

Quarantaquattro Paesi, che ospitano un terzo della popolazione mondiale, devono affrontare livelli "elevati" di stress, ovvero prelevano in media più del 40% della risorsa idrica disponibile. I paesi che si attestano invece intorno allo sfruttamento di non più del 20% dell'acqua disponibile si espongono invece a un rischio medio-basso di esaurimento dell'acqua.

L'uso eccessivo dell'acqua disponibile ha già causato seri problemi. L'istituto cita esempi in tutto il mondo. "I giacimenti di Chennai, la sesta città indiana, sono quasi asciutti in questo momento. Lo scorso anno, i residenti di Città del Capo, Sudafrica, hanno evitato per un pelo il "Day Zero", ovvero il giorno di chiusura totale dell’acqua. E l'anno prima, Roma ha razionato l'acqua per conservare le scarse risorse", riferisce il WRI.

Come suggerito dall'Istituto, uno dei modi di ridurre lo stress idrico è aumentare l'efficienza agricola. Ma cosa succederebbe se ci fosse un software o un servizio in grado di analizzare automaticamente le informazioni sull'approvvigionamento idrico e prevedere i rischi? È proprio questa l’area in cui ABB sta realizzando il suo contributo.

L'ABB Ability™ Collaborative Operations Center di Genova è un centro che si occupa di approfondire e analizzare i dati generati che possono aiutare le aziende di distribuzione dell'acqua ad aumentare l'efficienza e garantire che tutta l'acqua sia utilizzata nel miglior modo possibile. Un team di specialisti è a disposizione delle utility per aiutarle a massimizzare la produttività e l'efficienza al fine di mantenere il livello di stress idrico il più basso possibile. Allo stesso tempo, la redditività e la produttività dei clienti aumentano grazie a migliori prestazioni degli asset, maggiore sicurezza e protezione, riduzione dei rischi e dei costi.

Il centro utilizza una serie di tecnologie, software e servizi ABB per raccogliere e analizzare automaticamente le informazioni sul processo e sui rischi della produzione di acqua. I clienti dei siti operativi collaborano con gli esperti ABB del Collaborative Operations Center per garantire che ogni impianto idrico operi nel rispetto dei requisiti normativi, ambientali, di carico e di sicurezza informatica.

Un'altra soluzione ABB, che può aiutare a ottimizzare il business dell'approvvigionamento idrico, è l’ABB Ability™ Electrical Distribution Control System. Con questo sistema, il Consorzio di Bonifica Veronese (CBV) ha ridotto del 30% i costi operativi e del 40% i tempi di manutenzione.

Fornendo occhi e orecchie agli interruttori in sito, collegandoli al cloud e attraverso l’uso di algoritmi, ABB supporta il processo decisionale, consentendo al fornitore di acqua di monitorare e gestire le operazioni attraverso un'interfaccia online intuitiva per migliorare i propri servizi.

Molte città nel mondo hanno difficoltà a portare l'acqua, tramite i loro condotti, ai clienti. Alla luce di questo problema, lo scorso anno nel Regno Unito i direttori generali delle utility che si occupano dei servizi idrici, sono stati chiamati per spiegare perché le perdite erano così elevate. Le ricerche hanno dimostrato che alcuni servizi idrici nel Regno Unito perdono circa due vasche da bagno di acqua potabile al giorno per famiglia, a causa di infrastrutture obsolete. Le soluzioni ABB possono essere d'aiuto anche in questo settore.

Un grande caso di successo è quello della città vietnamita di Ho Chi Min, che ha perso il 30% dell'acqua potabile a causa delle sue vecchie infrastrutture. "Il sistema di approvvigionamento idrico di Ho Chi Minh City è in funzione da 60-70 anni. Nel corso del tempo le infrastrutture si sono deteriorate. E le perdite d'acqua sono elevate", ha detto Tran Quang Minh, vicedirettore generale di SAWACO, la utility della città.

SAWACO ha l'ambizioso obiettivo di ridurre del 10%, rispetto all’attuale 30%, le perdite d'acqua entro il 2020 e per raggiungere tale obiettivo ha scelto ABB AbilityTM Symphony® Plus, il sistema automazione appositamente studiato per il settore idrico ed energetico.

ABB AbilityTM Symphony® Plus integra un sofisticato sistema di rilevamento e gestione delle perdite. Il progetto mette a disposizione della rete idrica diversi punti di raccolta dati, come sensori e contatori per il monitoraggio della portata e della pressione, consentendo a SAWACO di monitorare digitalmente le condizioni della rete "quasi in tempo reale".

L'utility è quindi in grado di rilevare, analizzare e gestire senza interruzione gli eventi sulla rete trasformando tali informazioni in azioni immediate per ridurre le perdite d'acqua.

"In molte parti del mondo la manutenzione delle infrastrutture di approvvigionamento idrico diventerà sempre più complessa e difficile", ha detto Tran Quang Minh di SAWACO. "In Vietnam crediamo che con il supporto di un partner come ABB costruiremo e sosterremo l’approvvigionamento idrico e un'infrastruttura per Ho Chi Minh City per oggi e per il futuro".

Links

Contattaci

Downloads

Condividi questo articolo

Facebook LinkedIn Twitter WhatsApp